01

Missione a Shunyi (Pechino) con i sindaci di Fiumicino e Civitavecchia

Pechino 10/14 Ottobre 2016

Dando seguito alla costante attività legata alle relazioni istituzionali e imprenditoriali avviata da Horienta fin dal 2010 nelle Zone Franche cinesi ed in particolare quella integrata nell'aeroporto della capitale Pechino (distretto di Shunyi) è diventata realtà l'iniziativa di far gemellare i comuni di Fiumicino e di Shunyi. La visita organizzata da Horienta dal 10 al 14 Ottobre, ha permesso di dar seguito al primo protocollo di collaborazione tra i due territori, siglato nel dicembre del 2015 a seguito la visita di una Delegazione Istituzionale dell'importante Municipalità cinese. Fiumicino e Shunyi, condividono la particolare condizione di essere i Comuni delle Capitali dei due paesi (Roma e Pechino) e di inglobare nei propri territori i due principali aeroporti di Italia e Cina (Aeroporto Leonardo da Vinci e Beijing Capital Airport). Già questo aspetto giustifica il dialogo tra i comuni per l'attivazione di un Gemellaggio foriero di iniziative di scambi culturali, commerciali, industriali.

Il Distretto Municipale di Shunyi è situato a circa 30km nord-est dal centro di Pechino. Con una popolazione di circa 1milione 600mila abitanti, questa vasta area ospita il 2° aeroporto più trafficato al mondo, e un territorio pianeggiante ricco di attività indotte dalla presenza di questa importante struttura e anche molti terreni agricoli, tanto da essere chiamato l'orto di Pechino. Gran parte degli impianti sportivi che sono stati teatro delle Olimpiadi di Pechino del 2008, si trovano in questo territorio. Di importante rilievo per l'economia del Comune di Shunyi, la Zona Franca (Integrated Free Trade Zone), integrata con l'aeroporto e dove sia produzione, che commercio, permette agli operatori nazionali e internazionali che la popolano di avvalersi di speciali normative fiscali, doganali, che facilitano lo svolgersi di affari.

La presenza dei sindaci Esterino Montino (Fiumicino) e Antonio Cozzolino (Civitavecchia) e dello staff tecnico dei due Comuni Laziali, ha permesso di avviare dialogo sui temi legati alla importazione di Made-in-Italy attraverso questa piattaforma di commercio in area franca, di identificare settori di reciproco interesse per investimenti che possano generare economia per i territori coinvolti (settori Logistica, Agricoltura, Turismo). Il binomio Fiumicino/Civitavecchia è una intelligente risposta alla domanda cinese di questa importanza (solo Pechino città di 20 milioni di abitanti), assicurando una offerta per il mercato internazionale che rappresenta una vera porta di ingresso e uscita per merci e passeggeri non solo per il nostro paese, ma per tutto il bacino del Mediterraneo.

La visita, oltre agli incontri istituzionali e imprenditoriali, ha permesso agli amministratori italiani di avere una visione completa degli asset di questo territorio cinese, per poter meglio rispondere in termini di progettualità a questa grande opportunità.

Fonte: Horienta 2016

Fresh News

Il Vietnam raccontato da chi ci lavora

“I vietnamiti? Tenaci, orgogliosi e ...

SEGUE

Cina seconda Economia Mondiale

La notizie era già nell'aria da tempo ...

SEGUE

Esportazioni Tessili Vietnam

Viet Nam: esportazioni tessili aumento ...

SEGUE

Aprire una catena di ristoranti in Vietnam ?

Luca Scale è co-proprietario di una ...

SEGUE